domenica 9 marzo 2008

東間部犀の宴会6 (Il ricevimento dell'Azumazeki-Beya Koenkai, parte sesta): 鏡開き (Kagami Biraki)


Se non riuscite a vedere il video su questo blog, cliccate qui!!

Siamo sempre al 第一ホテル両国(Dai-Ichi Hoteru Ryōgoku - Hotel Dai-Ichi, Ryogoku), quinto piano, 宴会清澄(Dai-enkai-ba Kyosumi - Sala da gran banchetto "Kyosumi"): dopo la presentazione dei tre più forti lottatori della sua scuola, la 東間部犀(Azumazeki-Beya Koenkai), il maestro 高見山(Takamiyama) fa salire sul palco alcune personalità a livello nazionale del sumo professionistico, a tutti viene dato un martello, e al conteggio dello speaker tutti rompono il coperchio di una botte di sake. Questo rituale propiziatorio si chiama 鏡開き(Kagami Biraki - rottura dello specchio): questo termine si utilizza principalmente per il rituale della rottura del 鏡餅(Kagami Mochi - Mochi dello specchio), nella ricorrenza dell'11 gennaio, ma si può estendere anche alla rottura della botte di sake, frequente nei matrimoni, nelle cerimonie sportive etc. Per questa pratica in particolare si può utilizzare anche il termine 鏡抜き(Kagami Nuki). I più attenti spettatori avranno notato che continua il dramma personale del povero Uemura, l'allievo più scarso della Azumazeki Beya, preso a schiaffi dai compagni sulla zucca pelata....

[Aggiornamento] Mi è stato chiesto del conto alla rovescia pronunciato dall speaker: dice いっっふっっみっっよっっ(III, FUUU, MIII, YOOO). In buona sostanza dice "1, 2, 3, 4", ma utilizzando delle pronunce più tradizionali o antiche che si voglia dire (si dice abbiano delle attinenze addirittura con la lingua ebraica): infatti い(i) è una radice della pronuncia del kanji 一(Ichi - uno); ふ(fu) deriva dalla pronuncia ふた(futa) del kanji 二(Ni - due); み(mi) è una delle pronunce per il kanji 三(san - tre); e よ(yo) è una delle pronunce del kanji 四(yon - quattro). Per questo il giapponese è così difficile: se vuoi dire "tre mele", e "tre francobolli", per la parola "tre" si dovranno utilizzare diverse parole, e con diverse particelle chiamate "classificatori". Per dire "due persone", logicamente si dovrebbero utilizzare i kanji 二(ni - due) e 人(jin - persona). Beh in questo caso siete fortunati perchè si utilizzano questi due kanji, ma non si leggono "ni-jin", ma "futa-ri", da qui ad esempio la pronuncia di "due" in questo countdown. E se volete chiedere "due bicchieri d'acqua", utilizzerete i kanji 水(mizu - acqua) e 二(ni - due), ma non direte "O-mizu ni kudasai", ma invece おつ下さい(O-mizu futatsu kudasai). Grazie a Kazu-kura e a N-chan per gli spunti di riflessione!

(Qui la prima, la seconda, la terza, la quarta, la quinta, la settima, l'ottava, la nona e la decima puntata video, qui e qui i post fotografici...)

3 commenti:

rosa ha detto...

Ho cercato di capire il conteggio dello speaker, ma non mi sembrano numuri giapponesi, cioè san-ni-ichi e rottura della botte, allora mi piacerebbe sapere, che cosa ha detto?
Ciao!!

Weltall ha detto...

...e il pelato ha preso un altro bello scapellotto ^___*

nicolacassa ha detto...

>Rosa> Ho scritto l'aggiornamento sul countdown proprio nel post!!

>Cuggino> Eh, si, vita dura per il piccolo Uemura!

Posta un commento

Vuoi commentare su ニコラ日本へ行く nicolaingiappone ma non sei iscritto nè vuoi saperne di iscriverti a Blogger? Nella sezione "Scegli un'identità" qui sotto seleziona "Nome/URL", poi scrivi il tuo nome o il tuo nickname nel campo "Nome" e il tuo indirizzo mail, o l'indirizzo del tuo sito, o anche niente nel campo "URL" (^O^)/

Ah, e non dimenticare di iscriverti al gruppo "nicolaingiappone > Cose Incredibili In Giappone" su Facebook!! \(^O^)/

[NOVITA']...e se non sopporti Facebook, segui gli aggiornamenti del blog su Twitter, iscriviti cliccando qui!! \\(^O^)//

Nicola