venerdì 16 ottobre 2009

Volo JL0400-AZ7788 FCO-NRT, 20 settembre 2009, terza parte: a gomito a gomito con l'influenza suina...

E anche questa volta le 12 interminabili ore di volo sono passate!

(Picture from Google maps) Dopo una breve holding sulla costa del Pacifico, con annesse scuse da parte del comandante per l'attesa, tra risaie intervallate da fiumi, centri abitati con la solita scuola color grigio topo i finestroni e il campo sportivo, e tetti di tonalità che vanno dal celestino al grigio antracite, completiamo l'avvicinamento finale senza turbolenza per la pista 16R (la stessa in cui il 23 marzo 2009 si era schiantato l'MD-11 della FedEx, ma in senso opposto). Questa è la prima volta che atterro nella 16R, le altre due volte era la 34L.

(Picture from Airliners.net) Il nostro aereo rulla per il lungo tragitto evidenziato dalla linea, costeggiando i satelliti del Terminal 1, il Terminal 2 e il suo mega satellite collegato col trenino automatico, per giungere dal piazzale evidenziato dal rettangolo...

Ebbene, si, il nostro 747-400 ha fermato le ruote in un parcheggio remoto, e le operazioni di sbarco sono state effettuate tramite scalette e bus intercampo. Sarà anche questo un segno della mancanza di soldi in JAL? Non hanno neanche i soldi per pagare un attracco alla NAA? A me mette un pò di tristezza comunque: nell'aeroporto in cui lavoro solo i voli sfigati della Ryanair e di qualche altro vettore al risparmio vengono serviti dai gate remoti!!

(Picture from Google maps) Un bus di colore arancione stipato all'inverosimile di persone ci ha portato agli arrivi remoti del Terminal 2, nel punto in cui termina la freccia nella foto qui sopra, al piano terra (primo piano per i Giapponesi). L'autista era un figo da paura, guidava con lo schienale del sedile completamente reclinato, come fosse pronto ad essere lanciato nello spazio, con la sua mascherina indosso e i soliti guanti bianchi. Forse ero troppo stanco per fotografarlo, peccato davvero...

Da qui, superate le porte si giunge subito ad una scala mobile che porta al primo piano (il secondo per i Giapponesi).

Arrivate subito dopo la stazione dello shuttle qui evidenziata, e trovate davanti a voi la serpentina del controllo immigrazione. Per entrarci, però, dovrete per forza passare attraverso il controllo sanitario e per la fobia dei Giapponesi per il virus H1N1...

(Picture from Daylife.com) Cioè un gate in cui è installata una telecamera ad infrarossi che rileva la vostra temperatura corporea.

(Picture from Daylife.com) Ecco gli agenti della quarantena con la loro macchinetta infernale: sono abbastanza minacciose, direi...

(Picture from Daylife.com) La videocamera ad infrarossi evidenzia con la parola "alarm!!" i soggetti con una temperatura corporea non usuale, che vengono subito invitati ad un soggiorno nella zona di quarantena, che può durare anche dei giorni...

(Picture from Daylife.com) Vengono distribuiti dei volantini coi quali si intende sensibilizzare i passeggeri, invitandoli a consultare il personale medico in caso di sintomi influenzali quali tosse, dolori etc. Beh, vista la possibilità di passare dei giorni in quarantena e rovinare una vacanza per una magari banale allergia, penso che da bravo Italiano io non lo consultereri, il personale medico...

(Picture by Jun Seita, All rights reserved) Se invece venite dall'America (USA, Canada o Messico), siete sfigati forte, perchè dei tipi vestiti da film come quello qui sopra entreranno nel vostro aereo con delle videocamere termiche, vi scansioneranno ad uno ad uno, vi faranno compilare dei questionari facendo ritardare il vostro sbarco di almeno altri 90 minuti...

(Picture by dianaschnuth, all rights reserved) E vi faranno passare altri bei momenti qui, nella sala di attesa della quarantena, a farvi scoprire in anteprima come funzionano i distributori automatici Giapponesi.

Insomma, il vostro passaggio per il controllo sanitario divrebbe essere comunque regolare, arrivate all'immigrazione e fate tutto quello che ho già spiegato qui.

Ecco il timbro di entrata di nicolaingiappone.trip.2009.

Procedete per la dogana. Devo dire che, forse oramai mi conoscono(...hehe), ma nè all'immigrazione nè alla dogana mi hanno fatto domande. Alla dogana addirittura ho dichiarato un oggetto che avevo nella valigia, cioè dell'aglio (un regalo per una persona che adoro oltre ogni limite): se leggete il modulo di dichiarazione doganale (spiegato e tradotto in tutti i suoi punti qui), noterete che l'aglio rientra tra i restricted articles (articoli soggetti a restrizione), al punto 3 del lato B, come "vegetables" (verdure). Il tipo della dogana oltre a dirmi che era tutto apposto con l'aglio, non ha neanche voluto aprire la valigia, come gli altri suoi colleghi hanno sempre fatto fino ad ora!!

E benvenuti a Tokyo, finalmente, ogni volta è una tortura cinese, anzi, Giapponese!! In quei giorni ci credevano ancora, i poveretti, alle olimpiadi el 2016...

Ho potuto finalmente riabbracciare Shiho che non vedevo da un mese...

E col fortissimo carrello tamarro dell'aeroporto di Narita (può pure andare nelle scale mobili...), andiamo a prendere il Limousine bus...

Destinazione Shinjuku!

9 commenti:

Kazu ha detto...

Praticamente mi hai fatto notare che quando viaggio non ho nessuna idea di dove mi trovi e che percorso faccia, semplicemente mi faccio trasportare dalla folla e inconsciamente arrivo a destinazione :D C'è del materiale per un psycho-triller in questo post :))))
PS. e quella persona adora te oltre ogni limite

Weltall ha detto...

Ma non potevi fare uno starnuto finto e poi indicare tuo fratello come responsabile in modo tale da fargli passare la vacanza in quarantena?
Ah? Non è forse un' idea grandiosa? ^__*

nicolacassa ha detto...

>Kazu> E' la regola maestra da utilizzare in un luogo non conosciuto! Pensa, una volta ero di servizio agli arrivi a Cagliari, è arrivato un volo dalla germania e la prima persona del volo è corsa alle toilette... beh tutte le persone sbarcate l'hanno seguita p ensando che lì fosse l'uscita!! Che ridere!!

Ma alla fine l'aglio sardo ha trovato accoglienza nella terra di Chiba? :)

>Cuggino> No lo lego davanti agli agenti della quarantena, tanto prima o poi lo fa, il suo solito verso, e lo mettono dentro in men che non si dica! hehehe

Marco ha detto...

eheheh

quando ho provato io a fotografare ste macchinette a temperatura ad agosto si sono particolarmente incazzati...

"no photo!!! no photo!!!"

e io che mi faccio subito riconoscere appena sceso dopo 10 minuti ihihih

Monica ha detto...

Sapevo dei millemila fogli che ti fanno compilare ma addirittura le telecamere che misurano la temperatura non me le aspettavo proprio XD Le vedrò di persona a Dicembre allora, spero solo di stare più che bene XD *paura*
Ah, adoro il tuo blog~ è così preciso~ non nascondo di aver preso spunto e informazioni più che indispensabili da qui, visto l'ormai vicino viaggio direzione Tokyo che stiamo organizzando io e mia sorella da due anni XD lol

l'onorevole carpa ha detto...

Direi che è tutto abbastanza inquietante però dai, ne vale la pena visto che stavi raggiungendo il tuo tesoro :)

nicolacassa ha detto...

>Marco> Io non ci ho neanche provato, ho tirato fuori videocamera e fotocamera solo dopo essere uscito dagli arrivi! Per fortuna ho trovato quelle belle foto da Daylife.com! :)

>Monica> Sono contentissimo di esservi stato utile per il vostro viaggio! Sarà tutto fantastico!

>Onorevole Carpa> Eh si hai ragione! Sapessi cosa devono passare i proprietari di animali domestici che entrano in Giappone coi loro suddetti animali...

Monica ha detto...

Utilissimo davvero! :D trovare il tuo blog è stata una benedizione, ho scoperto tantissime cose e mi sono tolta tante curiosità, in particolare sull'aeroporto che rimane ancora la cosa che temo di più del viaggio XD

nicolacassa ha detto...

>Monica> Sembra difficile ma è tutto facilissimo!! :)

Posta un commento

Vuoi commentare su ニコラ日本へ行く nicolaingiappone ma non sei iscritto nè vuoi saperne di iscriverti a Blogger? Nella sezione "Scegli un'identità" qui sotto seleziona "Nome/URL", poi scrivi il tuo nome o il tuo nickname nel campo "Nome" e il tuo indirizzo mail, o l'indirizzo del tuo sito, o anche niente nel campo "URL" (^O^)/

Ah, e non dimenticare di iscriverti al gruppo "nicolaingiappone > Cose Incredibili In Giappone" su Facebook!! \(^O^)/

[NOVITA']...e se non sopporti Facebook, segui gli aggiornamenti del blog su Twitter, iscriviti cliccando qui!! \\(^O^)//

Nicola