lunedì 12 marzo 2007

Come prepararsi ad un volo intercontinentale

Lo JA8901 in decollo da Los Angeles LAX.

La classe Y dei Boeing 747-400 Japan Airlines, configurazione 3-4-3 con sistemi multimediali individuali (PTV) Magic 2.

Ci aspettano 12 ore di volo in un sedile di classe economica. La mie prime 12 ore di volo intercontinentale sono state abbastanza gradevoli per diversi motivi: il volo era quasi vuoto e avevo a disposizione tre sedili; il sistema PTV era straordinario e il mangiare era ottimo. i lati negativi sono da attribuite principalmente alla mia scarsa preparazione al volo, quindi la prossima volta che farò un viaggio del genere mi attrezzerò di conseguenza:

- Effettuare la preassegnazione dei posti a sedere, scegliendo secondo la mappa dell'aeromobile (rintracciabile qui) secondo la migliore sistemazione a bordo (sedili verdi).

- Indossare abbigliamento a strati, facile da mettere e togliere in uno spazio ristretto. L'aria condizionata a bordo è forte, quindi è impossibile stabilire la temperatura a bordo.

- Indossare scarpe facili da togliere e che non cingano la caviglia, meglio senza lacci. E' meglio toglierle durante il volo a causa della posizione seduta che causa un rigonfiamento delle caviglie, delle gambe e un intorpidimento dei piedi. Per questo seguire i consigli dei manuali di sicurezza dell'aeromobile o delle aree riservate a tale scopo nelle riviste gratuite a bordo che elencano gli esercizi da svolgere periodicamente per prevenire la "trombosi venosa" del viaggiatore.

Il coagulo del sangue, che normalmente si verifica negli arti inferiori, è conosciuto con il nome di trombosi venosa profonda (Deep Venous Thrombosis, DVT). Questo tipo di trombosi può verificarsi in qualsiasi momento su qualsiasi soggetto, benché alcune persone siano più esposte. Recenti studi hanno confermato che anche una persona che rimanga seduta su un aereo, bus o treno per oltre quattro ore è esposta a rischi maggiori.

I fattori che aumentano il rischio di trombosi venosa profonda comprendono:

- Età superiore ai 40 anni (il rischio aumenta con l'età)
- Precedenti episodi di trombosi venosa profonda o embolia polmonare
- Anamnesi di trombosi venosa profonda o embolia polmonare di un parente stretto
- Uso di contraccettivi orali a base di estrogeni ("la pillola") o terapia di sostituzione ormonale
- Gravidanza
- Recenti interventi chirurgici o traumi, in particolare a carico dell'addome, della regione pelvica o degli arti inferiori
- Tumore
- Alcune anomalie ereditarie della coagulazione ematica e altre discrasie ematiche

I Consigli per ridurre il rischio di trombosi venosa profonda sono:

- Bere sufficiente quantità di liquidi
- Evitare di fumare
- Evitare l'assunzione di bevande contenenti alcol e/o caffeina sia prima sia durante il volo
- Evitare di accavallare le gambe in posizione seduta
- Camminare lungo la cabina ogni volta che sia possibile
- Alzarsi nella propria zona di seduta e distendere braccia e gambe
- Eseguire gli esercizi per piedi e gambe consigliati.

Se si è affetti da uno dei fattori di rischio aggiuntivi elencati, si consulti un medico prima di viaggiare. In particolare, si informi sulla possibile utilità delle calze a compressione graduata e sull'eventuale assunzione di farmaci anticoagulanti, se necessario. Anche a me nonostante non abbia raggiunto ancora i 40 anni, la posizione seduta ha causato un cero intorpidimento degli arti inferiori e un rigonfiamento dei piedi: la sensazione era la stessa che avevo quando mi avevano tolto il gesso dal piede in seguito ad una frattura.

La JAL come altre compagnie proietta verso la fine del volo, sugli schermi a proiezione di cabina e sui PTV un video con gli esercizi da svolgere per prevenire i disturbi.

- E' importante attrezzarsi per quanto riguarda il mangiare, perchè il cibo a bordo non manca, ma la fame è sempre in agguato, soprattutto quando non si dorme e si vola in quello che dovrebbe essere la "notte" nella località di partenza, dove il nostro orologio biologico è ancora sintonizzato. Quindi è meglio avere una buona dose di snack appresso (magari qualcosa di non eccessivamente salato per non causare la sete), e portare una bella bottiglia d'acqua, da comprare però solo DOPO i controlli di sicurezza, a causa delle nuove normative sul trasporto dei liquidi in cabina. bere è fondamentale perchè 12 ore di aria secca condizionata causano una certa disidratazione. Evitare di bere alcoolici e caffeina.

- Portare qualcosa da leggere, o un videogioco portatile, perchè in 12 ore il PTV esaurisce tutto il suo potenziale

- La compagnia fornisce ad ogni passeggero un cuscino e una coperta. E' meglio comunque avere un cuscino gonfiabile a "semi-ciambella" per sorreggere la testa in caso ci si voglia addormentare e non ci si voglia poggiare alla spalla del nostro vicino.

Buon viaggio!

(Testi sulla DVT da ba.com e foto da Airliners.net)

6 commenti:

Weltall ha detto...

Quindi tra ginnastica, lettura e PSP, dici che passano queste dodici ore?
So di persone che non sopportavano la durata del viaggio e si sono auto indotti la trombosi venosa profonda
^_____________*

felicenatale ha detto...

12 ore è pressappoco il tempo che noi meridionali impieghiamo nelle odissee col treno a cui ci costringe trenitalia per raggiungere il nord...nonè detto che in aereo si debba star sempre seduti!

nicolacassa ha detto...

>felicenatale> Hai ragione, dannata trenitalia! Non ho menzionato le doverose passeggiate in cabina perchè sono obbligatorie per quando si deve andare in bagno!!

Skyman ha detto...

Ciao Nicola, leggo sempre i tuoi post ogni tanto. Un consiglio in piu' per i voli a lungo raggio (ne ho fatti un po' negli ultimi anni compreso il Giappone):
- tappi per le orecchie, alcune compagnie aeree li danno, meglio comprarli in farmacia, sono quei tappo di gommapiuma che si schiacciono e si immettono nelle orecchie. Allargandosi, occupano tutto lo spazio. La sensazione che si ha sull'aereo e che il rumore di fondo del fruscio dell'aria del jet che viaggia a 900 km/h si affievolisce moltissimo. Ottimo perche' cosi' si riesce a dormire molto piu' facilmente (almeno io che non riesco a dormire se ci sono rumori, figurati in aereo)
- copri-occhi. Anche questi alcune compagnie li danno insieme al "kit viaggio"

nicolacassa ha detto...

>Skyman> Hai ragione, i tappi per le orecchie sono l'unico modo per poter dormire in santa pace!! :)

Lies ha detto...

Per ora il mio viaggio più lungo è stato di 10 ore, è sempre alienante come esperienza, io sueggerisco di dormire e basta per poi perdere meno tempo possibile arrivati a destinazione :D

Consiglio però di non bere bevande gassate PRIMA del volo o comunque del decollo.

Posta un commento

Vuoi commentare su ニコラ日本へ行く nicolaingiappone ma non sei iscritto nè vuoi saperne di iscriverti a Blogger? Nella sezione "Scegli un'identità" qui sotto seleziona "Nome/URL", poi scrivi il tuo nome o il tuo nickname nel campo "Nome" e il tuo indirizzo mail, o l'indirizzo del tuo sito, o anche niente nel campo "URL" (^O^)/

Ah, e non dimenticare di iscriverti al gruppo "nicolaingiappone > Cose Incredibili In Giappone" su Facebook!! \(^O^)/

[NOVITA']...e se non sopporti Facebook, segui gli aggiornamenti del blog su Twitter, iscriviti cliccando qui!! \\(^O^)//

Nicola