martedì 13 dicembre 2011

高徳院3 (Kōtoku-in, parte terza): 仁王門 (Il Niō-mon)

Continua da qui...

Siamo a 鎌倉(Kamakura), una cittadina (qui ci sono dei cenni sulla città) nella 三浦半島(Miura-hantō - Penisola di Miura), a sud della 横浜(Yokohama-shi - città di Yokohama) e a circa un'ora di treno da 東京(Tōkyō)(leggi qui come raggiungerla), nella 神奈川(Kanagawa-ken - prefettura di Kanagawa), isola di 本州(Honshū).

Visto che è da più di un anno che questo blog non torna a 鎌倉(Kamakura), facciamo un piccolo riepilogo delle puntate precedenti su questa location, per "coloro che da casa si fossero messi in ascolto solo in questo istante". Lo scopo di questa enorme serie su 鎌倉(Kamakura)(fin'ora 57 post, e li trovate tutti qui) è quello di creare quello che a mio parere possa essere l'itinerario ideale per una visita giornaliera in questa bella cittadina situata poco fuori 東京(Tōkyō): a mio parere la scelta ideale per chi viene a 東京(Tōkyō) per pochi giorni e voglia includere nel viaggio una gita fuori porta poco impegnativa.

(Riepilogo delle puntate precedenti...) Dopo aver passato la mattinata nel nord della città a visitare i complessi templari Zen 瑞鹿円覚興聖寺(Zuirokuzan Engaku Kōshō Zen-ji), per gli amici 円覚(Engaku-ji)(clicca qui per leggere tutti i 17 post a riguardo), e 巨福建長興国寺(Kofuku-san Kenchō kōku Zen-ji), per gli amici 建長(Kenchō-ji)(clicca qui per leggere tutti gli 11 post a riguardo), che si trovano entrambi nella vallata di 鎌倉(Kita Kamakura - Kamakura nord), circoscrizione di (Yamanouchi), abbiamo percorso a piedi la 神奈川21号横浜鎌倉(Kanagawa-ken dō 21 kō Yokohama-Kamakura sen - strada prefetturale di Kanagawa numero 21, linea Yokohama-Kamakura)(clicca qui per un report del tragitto) in direzione sud per raggiungere il complesso templare Shintoista 鶴岡八幡宮(Tsurugaoka Hachiman-gū)(clicca qui per leggere tutti gli 8 post a riguardo), nella circoscrizione di 雪下(Yukinoshita). Dopo la visita a quest'ultimo complesso abbiamo camminato per in centro della città di 鎌倉(Kamakura), lungo un pezzo della monumentale 若宮大路(Wakamiya-ōji - grande strada del giovane principe) prima di buttarci nei vicoli che la congiungono con l'affollata strada dello shopping di questo piccolo centro turistico, la 小町通り(Komachi-dōri), nella circoscrizione di 小町(Komachi). Questa lunga strada termina a sud nel piazzale della 鎌倉(Kamakura-eki - stazione di Kamakura). Dopo aver raggiunto la 西(Nishi-guchi - uscita ovest) della stessa stazione ci siamo imbarcati dalla 江ノ電鎌倉(Enoden Kamakura-eki - stazione "Enoden" di Kamakura)(clicca qui e qui per info), che è ospitata in un edificio che si chiama 江ノ電ビル(Enoden biru), sul caratteristico treno 江ノ(Enoden) per raggiungere la 長谷(Hase-eki -stazione di Hase), nella circoscrizione di 長谷(Hase). Abbiamo percorso a piedi i 570 metri della 神奈川県道32号藤沢鎌倉(Kanagawa-ken dō 32 kō Fujisawa-Kamakura sen - Strada della prefettura di Kanagawa numero 32, linea Fujisawa-Kamakura) che separano la 長谷(Hase-eki - stazione di Hase) dal più visitato sito storico della città di 鎌倉(Kamakura): il famoso tempio buddhista 高徳(Kōtoku-in), casa del Buddha in bronzo più famoso del Giappone, il 仏(Dai-butsu - Grande Buddha).

Dopo alcuni cenni storici sulla fondazione del tempio e qualche info sulla figura del Buddha 阿弥陀(Amida), raffigurato dall'enorme statua in bronzo per la presenza della quale il tempio è famoso in tutto il mondo, e sulla setta ad esso collegata, la 浄土(Jōdo shū- Scuola Della Pura Terra), è arrivato il momento di entrare nel complesso.

Non so come sia possibile, ed è una cosa che mi ha lasciato alquanto interdetto, pur essendo stato a 鎌倉(Kamakura) ben quattro volte e avendo visitato il 高徳(Kōtoku-in) per due volte ho scattato pochissime foto all'ingresso del complesso...dovrò quindi chiedere aiuto a Google che con il suo fantastico Street View copre persino l'interno del tempio...

(Screenshot from Google maps, modified by nicolaingiappone) Siamo all'indirizzo 神奈川鎌倉長谷4丁目2-28, cioè all'ingresso 28 del secondo isolato del 4丁目(yon-chōme - quarto distretto) della circoscrizione di 長谷(Hase), nella 鎌倉(città di Kamakura), nella 神奈川(Kanagawa-ken - prefettura di Kanagawa)(clicca qui per scoprire come funzionano gli indirizzi in Giappone). Ecco il percorso coperto da questo post e dal successivo (linea rossa), cioè la terza e la quarta parte: come di consueto ad ogni numero corrisponde una foto. Le frecce all'interno dei riquadri numerati indicano l'orientamento dell'obbiettivo della fotocamera al momento dello scatto. Questo post arriva fino alla foto 5, cioè davanti al cancello 仁王(Niō-mon - Cancello dei Nio), il cui tetto color verde bronzo ossidato in questa foto satellitare risplende al sole della mattina.

(Screenshot from Google Street View)[Immagine 1] Dalla 長谷(Hase-eki -stazione di Hase), nella circoscrizione di 長谷(Hase) percorriamo verso nord il marciapiede destro della 神奈川県道32号藤沢鎌倉(Kanagawa-ken dō 32 kō Fujisawa-Kamakura sen - Strada della prefettura di Kanagawa numero 32, linea Fujisawa-Kamakura). Lasciamo la strada prefetturale in corrispondenza dello slargo vicino al negozio di spade e affini (qui sopra si può vedere sulla destra). L'ingresso del tempio è dietro quelle ragazzine in divisa scolastica...

(Screenshot from Google Street View)[Immagine 2] Eccoci nel vialetto d'ingresso, guardandoci indietro possiamo vedere, oltre l'asfalto, il negozio di spade e cavolate varie per turisti...

(Screenshot from Google Street View)[Immagine 3] Proseguiamo verso nord...

(Screenshot from Google Street View)[Immagine 4] e dopo qualche decina di metri ci troviamo davanti un 仁王(Niō-mon - Cancello dei Nio).

(Screenshot from Google Street View)[Immagine 5] Il 仁王(Niō-mon - Cancello dei Nio) del 高徳(Kōtoku-in) si può assimilare ad un 楼(Rō-mon) come tipologia costruttiva anche se la sua architettura non mostra un vero o finto secondo piano come di solito accade per questa classe di cancelli.

E' poggiato su dodici pilastri ed in pianta presenta un sistema a 6 baie disposte secondo lo schema 3 x 2. Le due baie laterali rivolte verso l'esterno del tempio, in questo caso a sud ospitano le due statue dei 仁王(Niō), chiuse in robuste gabbie di legno.

La parte inferiore del recinto che contiene i 仁王(Niō) è come di consuetudine a sua volta protetta da una "palizzata" (qui di colore celeste) chiamata 金剛柵(Kongōsaku) o 金剛垣(Kongōgaki), fatta di stecche verticali in legno recanti nella sommità degli elementi decorativi appuntiti che dovrebbero riprodurre il 金剛杵(Kongōsho - pestello diamante), conosciuto in sanscrito come "Vajra" (qui maggiori info), che è un oggetto utilizzato nei rituali esoterici Buddhisti. Le stecche in sezione orizzontale hanno una forma triangolare, e riproducono a loro volta la forma del 三鈷(Sanko), anch'esso un oggetto rituale Buddhista. La funzione della staccionata è quella di proteggere le statue dagli occhi dei visitatori.


(Picture from here) I 仁王(Niō), anche chiamati 二天(Niten) o 仁王(Niōson), sono guardiani del tempio: i loro visi esprimono ferocia, i loro corpi sono di solito estremamente muscolosi e sono scolpiti in pose di battaglia: di solito impugnano delle armi. La loro funzione è quella di allontanare gli spiriti maligni e di tenere lontani dal tempio demoni e ladri. Secondo alcune leggende i 仁王(Niō) accompagnarono il Buddha Storico durante il suo viaggio in India. Quasi sempre le loro vesti li coprono dalla vita in giù anche se le rappresentazioni più antiche li vedono indossare delle armature a protezione del torso. Iconograficamente parlando i 仁王(Niō) furono introdotti in Giappone tra il settimo e l'ottavo secolo dopo Cristo: le più vecchie statue esistenti in Giappone raffiguranti le due divinità (queste) si trovano nel tempio 法隆寺(Hōryū-ji), a 奈良(Nara) e risalgono all'anno 711.

Generalmente uno dei due ha la bocca aperta nella posizione chiamata 阿(A-gyō), cioè nell'atto di pronunciare il kana あ(
A) ed impugna una saetta, mentre l'altro ha la bocca chiusa nella posizione chiamata 吽(Un-gyō), cioè nell'atto di pronunciare il kana ん(N), di solito pronunciato come "un". "A" è il primo suono dell'ordine alfabetico Giapponese mentre "N" è l'ultimo: quindi questa combinazione dovrebbe simbolicamente rappresentare i due opposti (da noi rappresentati di solito con le lettere greche A[Alfa] e Ω[Omega]) e tutto ciò che è contenuto al loro interno nella "danza cosmica dell'esistenza".

(Picture by jpellgen, all rights reserved) Questa è la statua di destra, con la bocca aperta nella posizione (A-gyō)...

(Picture by jpellgen, all rights reserved) ...e questa è quella di sinistra, con la bocca chiusa nella posizione (Un-gyō).

Il cancello visto da dietro: si può notare come la palizzata 金剛柵(Kongōsaku) interessi esclusivamente i lati interessati dal passaggio dei visitatori.

Qui la prima e la seconda parte.

giovedì 8 dicembre 2011

Volo AZ0782 FCO-NRT, 18 settembre 2010, quarta parte: l'atterraggio a Tokyo-Narita.

Continua da qui...

Il mio primo volo d'andata in Giappone con un Boeing 777-200 Alitalia (per essere precisi un Boeing
777-243ER marche I-DISU, cn 32858/425) volge al termine. E' anche la prima volta che raggiungo il Giappone con un volo che parte dall'Italia a mezza mattina e arriva in Giappone all'alba, alle 6:40.

Ho sempre ritenuto comodo l'orario dei vecchi voli operati dalla Japan Airlines (purtroppo ora dismessi) che partivano da Roma Fiumicino alle 22:50 ed arrivavano a
東京(Tōkyō) un po' dopo le 17: si partiva con tutta la giornata alle spalle, magari si dormiva qualche ora in aereo, poi si arrivava a destinazione stanchi morti e di tirava ancora per tutta la sera, fino alla notte, e l'indomani mattina ci si svegliava come nulla fosse, con il nuovo fuso orario.

Arrivare all'alba è un'esperienza tutta nuova quindi: vediamo com'è andata...

Il sole è già sorto, la costa del Pacifico dorme ancora sotto una fitta coltre di foschia che fa sembrare la 千葉(Chiba-ken - prefettura di Chiba) un paesaggio innevato. Come al solito non ho dormito durante il volo, i miei vicini di posto sono una coppia di 横浜(Yokohama), sulla quarantina, ci siamo pure scambiati la mail, il solito "vieni a trovarci" d'ordinanza e null'altro. Sono stanco ma devo tenermi sveglio per affrontare le procedure di sbarco: un'ultima visita alla toilette per lavarmi il viso prima che il comandante ordini di allacciare le cinture per l'avvicinamento finale e l'atterraggio. La foschia si dirada sempre più mentre l'aereo in configurazione d'atterraggio plana stabile e silenzioso verso la pista 34L del 成田国際空港(Narita Kokusai Kūkō - Aeroporto internazionale Narita) o com'era conosciuto fino al 2004 (e com'era chiamato dalla speaker nella splendida e indimenticabile sequenza iniziale di Lost In Translation), 東京国際空港成田(Shin-Tōkyō Kokusai Kūkō Narita - Nuovo aeroporto internazionale di Tokyo Narita)(RJAA/NRT), che si trova nella 千葉(Chiba-ken - prefettura di Chiba).

(Screenshot from Google Maps modified by nicolaingiappone) Ed eccoci a terra. La 34L/16R è la striscia d'asfalto più utilizzata in assoluto al 成田国際空港(Narita Kokusai Kūkō - Aeroporto internazionale Narita), e la 34L è la pista più utilizzata per i venti dominanti da nord-ovest. Su cinque atterraggi in questo aeroporto (il quinto di cui per ora non ho mai parlato l'ho vissuto con un Boeing 777-300 della Cathay Pacific al ritorno da Hong-Kong) quattro sono avvenuti su questa pista.

(Screenshot from Google Maps modified by nicolaingiappone) L'Alitalia è gentilmente ospitata nel terminal 1...

(Screenshot from Google Maps modified by nicolaingiappone) ...che è situato a sud del mega complesso aeroportuale...

(Screenshot from Google Maps modified by nicolaingiappone) ...ed è composto a sua volta da un edificio principale, due ali (l'ala nord e l'ala sud) e cinque satelliti. Il nostro aereo ha fermato le ruote vicino al satellite numero 2, connesso a sua volta con l'ala nord.

(Screenshot from Google Maps modified by nicolaingiappone) Il parcheggio era il numero 25.

(Screenshot from Google Maps modified by nicolaingiappone) Le due foto seguenti sono state scattate dai punti numerati nell'immagine satellitare qui sopra, durante il mio percorso verso l'ala nord del terminal 1.

[Foto 1, orientamento sud-ovest] Ed ecco il nostro I-DISU che si riposa dopo 12 ore di volo. L'aeroporto era incredibilmente tranquillo e deserto a quell'ora...

[Foto 2, orientamento sud-ovest] L'orologio affianco alla scritta "Narita" segna le 6:10, l'aereo è atterrato alle 5:50, con quasi 50 minuti di anticipo per aver volato con venti favorevoli in crociera.

(Screenshot from Google Maps) Una piccola curiosità: in quasi tutti gli aeroporti Giapponesi, affianco alla pista c'è un'enorme scritta chiaramente visibile dall'alto che indica il nome dell'aeroporto: qui sotto alcuni esempi...

(Screenshots from Google Maps) Dall'alto verso il basso: 高知(Kōchi), 熊本(Kumamoto), 高松(Takamatsu) con una graziosa scritta in 平仮名(Hiragana), 広島(Hiroshima), 大分(Ōita), 鹿児島(Kagoshima), 山形(Yamagata), 函館(Hakodate), 新千歳(New Chitose), 関西(Kansai), 仙台(Sendai)(nonostante lo tsunami), 大阪(Osaka). E ce ne sono tantissimi altri...ma non divaghiamo troppo e torniamo a Narita...

(Screenshot from Narita Airport official website) Il percorso dal finger, attraverso il satellite 2 fino alla zona del controllo passaporti. Si procede per le solite cinque fasi che riepiloghiamo brevemente:

1) Quarantena

(Picture from Daylife.com)(Qui le info ufficiali)(Qui il mio post correlato) Documenti richiesti: Questionario sanitario compilato (solo se si proviene da un paese a rischio). Se arrivate da un paese a rischio sanitario (ad esempio con epidemie in corso) durante il volo vi verrà fornito un questionario: compilatelo; se non vi viene dato compilate un questionario in bianco disponibile vicino al banco della Quarantena. Ma niente paura: al momento in cui scrivo l'Italia non è un paese incluso nella lista delle provenienze a rischio. Il percorso, rischio o non rischio, vi obbligherà a passare attraverso un controllo termico (foto qui sopra: gli addetti spesso e volentieri non sono presenti e la fotocamera funziona in automatico) che verifica che la vostra temperatura corporea sia nella norma. In caso non lo sia, verrete messi in "quarantena" e verrete visitati da un medico che decreterà la vostra idoneità o non idoneità ad entrare nel territorio Giapponese.

2) Immigrazione

(Picture from Consulate-General of Japan in New York website, all rights reserved)(Qui le info ufficiali)(Qui il mio post correlato) Documenti necessari: Passaporto; Carta di sbarco adeguatamente compilata fronte-retro. Superata la quarantena raggiungete l'immigrazione: percorrerete una lunga serpentina e un addetto vi indirizzerà ad un banco libero. Abbiate cura di avere a portata di mano il passaporto e la carta di sbarco (questa) compilata fronte-retro (in questo modo): un addetto controllerà il vostro passaporto e la carta di sbarco, prenderà le impronte digitali di entrambi i vostri indici e scatterà una foto al vostro viso, vi farà qualche domanda, apporrà l'adesivo con stampato il visto turistico sul vostro passaporto e vi lascerà andare.

Ed ecco il trofeo: il timbro di entrata di nicolaingiappone-trip-2010. Il visto per i turisti dura 90 giorni, e siccome l'ingresso è avvenuto il 19 settembre, possiamo stare in Giappone fino al 18 dicembre.

3) Ritiro bagagli

(Picture from Skyscrapercity.com)(Qui le info ufficiali) Documenti necessari: ricevuta del bagaglio imbarcato. Subito dopo l'immigrazione scendete di un piano e raggiungete la zona ritiro bagagli. Ritirate il vostro bagaglio presso il nastro designato. I carrelli sono disponibili e gratuiti. Il personale preposto al controllo potrebbe chiedervi di verificare la corrispondenza tra la ricevuta del bagaglio e l'etichetta dello stesso, per evitare sbadati prelievi di bagaglio altrui.

4) Quarantena per piante ed animali

(Picture from vpjrnl)(Qui le info ufficiali) In caso portiate con voi vegetali (inclusi frutta, verdura e sementi varie), animali vivi, prodotti animali come prosciutto, salsicce e altri prodotti della lavorazione delle carni avvicinatevi al banco di quarantena per piante e animali. Qui ci sono tutte le informazioni necessarie. Portare un animale domestico in Giappone è una grana non indifferente: a volte può venire richiesto di lasciare l'animale in quarantena per qualche giorno prima che ne venga autorizzato l'ingresso.

5) Dogana

(Picture from Skyscrapercity.com)(Qui le info ufficiali)(Qui il sito in inglese della dogana di Narita)(Qui il mio post correlato) Documenti necessari: Carta di dichiarazione doganale compilata. E arriva l'altro momento difficile: il controllo doganale: E' necessario arrivarci con la carta di dichiarazione doganale (questa) già compilata (clicca qui e qui per sapere "come si fa"). Se pensavate di farla franca non presentando alla quarantena eventuali vegetali o prodotti di lavorazione della carne, beh nel 70% dei casi il doganiere aprirà la vostra borsa e la ispezionerà attentamente, quindi dichiarate con cura tutto quello che portate: insospettire gli addetti con dichiarazioni mendaci ed incomplete è assai poco saggio. In cinque arrivi totali in Giappone, la mia valigia è stata aperta tre volte, e in tutte e tre queste occasioni la valigia era imballata con la pellicola anti-furto: penso che ai doganieri Giapponesi non piacciano gli imballaggi...

Se non avete compilato la carta di dichiarazione doganale durante il volo, fatelo prima di passare per la dogana: è obbligatorio e se non ne siete in possesso sarete costretti a tornare indietro. I moduli sono disponibili in qualsiasi lingua (tranne l'Italiano chiaramente ma noi parliamo tutti l'inglese alla perfezione no?) e se avete problemi di vista l'autorità aeroportuale vi fornisce pure gli occhiali in tre gradazioni diverse...

Ma riepiloghiamo le cinque fasi con questo schema:

(Screenshots from Narita Airport official website) Questo qui sopra è il percorso di guerra da compiere per riuscire a mettere piede in territorio Giapponese. L'ala nord, cioè quella in cui siamo noi, è quella a destra nella mappa.

E alla fine, stanchi morti, riusciamo anche questa volta a guadagnare la hall arrivi. Questa è la hall arrivi dell'ala nord del terminal 1 di Narita.

(Picture by Davide Cassanello) E si comincia un nuovo viaggio!! Sarà necessario un pisolino pomeridiano per cercare di recuperare il sonno perduto: a conti fatti è risultato meno stancante arrivare alle 6 del mattino piuttosto che nel pomeriggio, come avvenuto nei tre viaggi precedenti. Orario assurdo ma efficace.

(Qui la prima, la seconda e la terza parte...)

giovedì 1 dicembre 2011

東京近郊の公共交通機関1-2-2. 鉄道 (Il trasporto pubblico su rotaia nell'area metropolitana di Tokyo: trasporti di superficie, piccole compagnie, seconda parte)

Questa è la seconda parte della seconda parte della prima parte della panoramica del sistema di trasporto ferroviario nell'area metropolitana di 東京(Tōkyō), dedicata alle linee ferrate di superficie (qui la prima parte della prima parte, qui la prima parte della seconda parte della prima parte).

(Map by FML, from Kzaral's Flickr.com page) Riporto nuovamente la mappa che include TUTTE le linee dell'area metropolitana di 東京(Tōkyō), che si estende tra 東京(Tōkyō), 川崎(Kawasaki), 横浜(Yokohama), 千葉(Chiba), 埼玉(Saitama) e i territori limitrofi i cui centri urbani si susseguono in un'unica soluzione di continuità e dove circa 35 milioni di persone (censimento del 2008) si servono di 136 linee ferroviarie tra alta velocità, linee di superficie, linee underground, monorotaie, linee automatiche su gomma, linee private, tram etc. I treni si fermano in un indefinibile numero di stazioni, si conta tra le 1000 e le 1200 a seconda della grandezza dell'area che si prende in considerazione. Alcune stazioni underground sono dei veri e propri sistemi sotterranei estesi diversi chilometri, e alcune stazioni sono così grandi da avere più di 200 uscite. A Tokyo ogni giorno i tornelli sono oltrepassati circa 40 milioni di volte da circa 20 milioni di passeggeri e le strade ferrate si estendono per circa 2.578 chilometri.

In questa seconda parte (a sua volta divisa in due parti di cui questa è la seconda) elencherò le compagnie private di piccole dimensioni che operano linee di superficie in quest'area.

-

関東鉄道(Kantō Railway)

(Map from Kantetsu official website, logo by FML) La 関東鉄道(Kantō Tetsudō - Kantō Railway) è una sussidiaria della 京成電鉄株式会社(Keisei Dentetsu Kabushiki-gaisha - Keisei Electric Railway Co., Ltd.) e opera due linee nella 茨城 (Ibaraki-ken - prefettura di Ibaraki): la 常総(Jōsō-sen - Jōsō line) che con convogli diesel copre 25 stazioni tra 取手(Toride) e 下館(Shimodate), e la piccolissima 竜ヶ崎(Ryūgasaki-sen - Ryugasaki line) che opera tra le stazioni di 佐貫(Sanuki) e 竜ヶ崎(Ryūgasaki) con uno stop intermedio alla stazione di 入地(Ireji).

-

流鉄株式会社(Ryūtetsu Co., Ltd.)

(Map from here, logo by FML) La 流鉄株式会社(Ryūtetsu kabushiki-kaisha - Ryūtetsu Co., Ltd.) gestisce nella 千葉(Chiba-ken - prefettura di Chiba) la 流山(Nagareyama-sen - Nagareyama line). Fino all'agosto 2008 il nome della linea era 総武流山(Sōbu Nagareyama-sen - Sōbu Nagareyama line) o 総武流山電鉄(Sōbu Nagareyama Dentetsu - Sōbu Nagareyama Electric Railway). I treni di questa linea servono sei stazioni tra 馬橋(Mabashi) e 流山(Nagareyama). La Ryūtetsu è rinomata per essere uno degli operatori più piccoli dell'area metropolitana di 東京(Tōkyō) gestendo solo questa linea, il cui binario (singolo) è lungo 5,7 km: un'altra particolarità di questa linea è che le carte Suica e PASMO non sono supportate dai tornelli delle sue stazioni e la compagnia non ha al momento piani per introdurle in futuro.

-

東葉高速鉄道株式会社(Tōyō Rapid Railway Co., Ltd.)

(Map from Tōyō Rapid Line official website, logo by FML) La 東葉高速鉄道株式会社(Tōyō Kōsoku Tetsudō kabushiki-kaisha - Tōyō Rapid Railway Co.,Ltd.) gestisce nella 千葉(Chiba-ken - prefettura di Chiba) la 東葉高速(Tōyō Kōsoku-sen - Tōyō Rapid Railway line) che serve nove stazioni tra i capolinea di 西船橋(Nishi-Funabashi) e 東葉勝田台(Tōyō-Katsutadai). A 西船橋(Nishi-Funabashi) la linea fa Through Service con la 東西(Tōzai-sen - Tozai line) della Tōkyō Metro, della quale utilizza per l'appunto i convogli per i servizi di prosecuzione della linea Tozai da 西船橋(Nishi-Funabashi) a 東葉勝田台(Tōyō-Katsutadai). Il nome 東葉(Tōyō) deriva dalla fusione tra il primo ideogramma di 東京(Tōkyō) e il secondo ideogramma di 千葉(Chiba).

-

横浜高速鉄道株式会社(Yokohama Railway Company)

(Map by Mugu-Shisai from Wikipedia, logo by FML) La 横浜高速鉄道株式会社(Yokohama Kōsoku Tetsudō kabushiki-kaisha - Yokohama Railway Company), una compagnia fondata dalla città di Yokohama, dalla prefettura di Kanagawa e dalla 東京急行電鉄株式社(Tōkyō Kyūkō Dentetsu Kabushiki-gaisha - Tokyo Electric Railway Corporation) gestisce nella 神奈川(Kanagawa-ken - prefettura di Kanagawa) due linee: la みなとみらい21(Minato-mirai-21-sen - Minatomirai 21 line) conosciuta comunemente come みなとみらい(Minato-mirai-sen - Minatomirai line) che serve sei stazioni tra i capolinea di 横浜(Yokohama) e 元町・中華街(Motomachi-Chūkagai), e la cortissima こどもの国(Kodomonokuni-sen - Kodomonokuni line) che serve le stazioni di 長津田(Nagatsuta), 恩田(Onda) e こどもの国(Kodomonokuni).

-

千葉都市モノレール株式会社(Chiba Urban Monorail Co., Ltd.)

(Map from Chiba Urban Monorail official website, logo by FML) La 千葉都市モノレール株式会社(Chiba toshi monorēru kabushiki-gaisha - Chiba Urban Monorail Co., Ltd.) gestisce nella 千葉(Chiba-ken - prefettura di Chiba) la 千葉都市モノレール(Chiba Toshi Monorēru - Chiba Urban Monorail). La monorotaia è composta da due linee: la linea 1 (3,2 km) i cui convogli servono sei stazioni tra i capolinea di 千葉みなと(Chiba-Minato) e di 県庁前(Kenchō-Mae), e la linea 2 (12 km) i cui convogli servono 13 stazioni tra i capolinea di 千葉(Chiba) e 千城台(Chishirodai). Nella linea 2 la maggior parte dei treni prosegue da 千葉(Chiba) per 千葉みなと(Chiba-Minato) inserendosi nel tracciato della linea 1 per circa 2,2 km. La Chiba Urban Monorail è la monorotaia sospesa più lunga al mondo con un tracciato totale di 15,2 km.

-

湘南モノレール株式会社(Shōnan Monorail Co., Ltd.)

(Map from Shonan Monorail official website, logo by FML) La 湘南モノレール株式会社(Shōnan Monorēru Kabushiki-gaisha - Shonan Monorail Co., Ltd.) gestisce nella 神奈川(Kanagawa-ken - prefettura di Kanagawa) la 湘南モノレール(Shōnan Monorēru - Shonan Monorail). I convogli servono otto stazioni su un tracciato di 6,6 km tra i capolinea di 大船(Ōfuna) e 湘南江の島(Shōnan-Enoshima). La Shonan Monorail è stata la prima del suo genere in Giappone, essendo operativa dal 1971.

-

東京都交通局(Tōkyō Metropolitan Bureau Of Transportation)

(Map from TOEI official website, logo by FML) La 東京都交通局(Tōkyō-to Kōtsū-kyoku - Tokyo Metropolitan Bureau Of Transportation) gestisce, oltre a diverse linee underground, anche tre linee di superficie: una di queste è il 日暮里・舎人ライナー(Nippori-Toneri-rainaa - Nippori-Toneri Liner), un people mover automatizzato su gomma (tecnicamente chiamato AGT, Automated Guideway Transit). Il tracciato, lungo 9,7 chilometri è completamente soprelevato e composto da due piste affiancate: i treni servono in totale 13 stazioni tra i capolinea di 日暮里(Nippori) e 見沼代親水公園(Minumadai-Shinsuikōen).

(Map from TOEI official website, logo by FML) La 東京都交通局(Tōkyō-to Kōtsū-kyoku - Tokyo Metropolitan Bureau Of Transportation) gestisce pure una linea di tram, la 都電荒川線(Toden Arakawa-sen - Toden Arakawa line). Questa è l'unica linea superstite della estesa rete di tramviaria una volta posseduta dalla 東京都電(Tōkyō Toden), al suo apice composta da ben 41 linee (qui l'elenco completo) che correvano su un totale di 213 chilometri di tracciato. I tram della Toden Arakawa line servono 30 stazioni tra i capolinea di 三ノ輪橋(Minowabashi) e 早稲田(Waseda).

(Picture from Wikipedia) La terza di queste linee è la 東京都交通局上野懸垂線(Tōkyō-to Kōtsū-kyoku Ueno Kensui-sen - Ueno Zoo Monorail line), una monorotaia sospesa il cui tracciato copre 300 metri all'interno del 恩賜上野動物園(Onshi Ueno Dōbutsuen - Zoo di Ueno).

-

山万株式会社(Yamaman Co., Ltd.)

(Picture from Wikipedia, logo by FML) 株式会社(Yamaman kabushiki-gaisha - Yamaman Co., Ltd.), la ditta costruttrice che ha creato dal nulla la città di ユーカリが丘(Yūrigaoka), gestisce una piccolo people mover che connette le varie zone della new town alla ユーカリが丘(Yūkarigaoka-eki - stazione di Yūrigaoka), dalla quale poi passa la 京成本線(Keisei Honsen - Keisei Main line) che connette la zona alla metropoli. La linea è circolare: inizia e termina alla ユーカリが丘(Yūkarigaoka-eki - stazione di Yūrigaoka) passando per 5 stazioni intermedie.

(qui la prima parte della prima parte, qui la prima parte della seconda parte della prima parte)