martedì 26 agosto 2008

26 agosto: Shinjuku, Roppongi

Stamattina pioveva, ma verso le 12 c'è stata una tregua, così ho interrotto il mio "sciopero dell'uscita" e sono andato a Shinjuku. Mi ero dimenticato di quanto fossero alti quei grattacieli...

Questa è la Yasukuni-dori, quella che Bob Harris (Bill Murray in Lost In Translation) vede dal taxi nella scena iniziale del film, qui dietro c'è la famosa Kabuki-cho...

...ovvero un quartiere-bordello. Questo è uno dei cartelli esposti, questo in particolare è un Kyabakura, cioè un posto dove si parla (e basta) con le ragazze...

Questo è l'incrocio che sta davanti alla stazione di polizia di Shinjuku (un grattacielo anch'esso), forse i cinefili dal palato più fino lo riconosceranno come la location di una delle scene finali del film "Adrift In Tokyo" di Miki Satoshi, visto al FEFF10.

A cena Shiho ha voluto provare un ristorante di Udon molto famoso, e dopo un'ora di fila ecco il mio Udon con tempura!!

Questa è Roppongi, sembra bella, ma se ci mettete piede la odierete subito, soprattutto di notte...

Domani sveglia alle 5 perchè si va a Shikoku!! A presto!!

63 commenti:

Weltall ha detto...

Adrift in Tokyo è un film meravilgioso!!!
Hai fatto benissimo a fare la foto alla location ^__^

Alice ha detto...

Definire Kabuchi-chou con un semplicistico "quartiere-bordello" non mi sembra proprio adatto, perche' chi legge e non conosce bene la realta' di quella zona puo' veramente arrivare a paragonare la zona ai quartirei a luci rosse di Amsterdam, perche` quelli sono i veri quartieri-bordello.

Luca da Osaka ha detto...

giusto alice,
Io definirei Shinjuku in piu perverso bordello del mondo.
Ma scusa alice ci hai lavorato?
Sai come funzionano i bordelli e le deligirl?
Io si e ti posso dire che amsterdam e un scherzo al confronto.
Ho lavorato per alcuni bordelli li e ti posso dire che e' allucinate.

Alice ha detto...

Non ci ho lavorato, pero' "purtroppo" abito a cinque minuti da quello che tu definisci il posto piu' perverso del mondo, conosco la gente che ci lavora e ovviamente qualcosa mi hanno detto.
Non so cosa tu intenda per deligirl, ma conosco il giro di lavori che c'e' oltre alla kyabajo, e sicuramente non sono lavori molto puliti, per dire un eufemismo, pero' non la vedo cosi' in maniera cosi' apocalissica.

Luca da Osaka ha detto...

Bene la vedo in modo cosi apocalittico perché avendoci lavorato so come funziona realmente.
Conosco i sistemi con cui le ragazze finiscono per prostituirsi ecc.
Per un periodo ho lavorato in Pink saloom come addetto alla sicurezza.
Poi ho fatto il Driver per le Deligirl (le ragazze che fanno massaggi a domicilio). E ti devo dire che alcune lo fanno per scelta ma altre lo fanno perche forzate. Daltronde la polizia come sempre non fa nulla.
Si perche i massaggi non sono vietati ma se vai sulle homepage di una di queste ditte sono elencati i servizi che ogni ragazza puo fare.
Spesso queste poverine sono schiave costrette a prostituirsi.
I kyabakura sono solo una piccola fetta della realta shinjuku.
Droga, violenze sessuali, psicopatici. Lo sai che in alcuni locali di shinjuku e Rappongi bazzica Issei Sagawa? Conosci questo nome? prova googlarlo.
Scusami ma io odio shinjuku perche rappresenta cio che non mi piace del giappone.
Sei una ragazza e percio eviti di bazzicare certi anbienti invece il sotto scritto ha fatto anche l' accompagnatore, forse un giorno scrivero un libro su cio che e' realmente il mercato del sesso in giappone.
Ma se ci vivi vicino non noti tutte queste cose allucinati?
Io ho perfino fatto per un po lo scout per le prostitute, ricercavamo ragazze per quei lavoretti sessuali che sono il pilastro delle economia di shinjuku. Ti posso dire che ho visto anche ragazze italiane che si prostituivano.
Ora sono fuori da quel mondo ma non ti puoi immaginare nemmeno che cosa e' se non ci hai lavorato ho non hai usufruito di questi servizi.
Scusami per la sfuriata ma proprio ieri ho avuto una discussione con alcuni amici italiani qui a osaka e come molti conoscenti sono innamorati del giappone ma anche se vivono qui hanno le fette di sashimi sugli occhi. Io amo questo paese e lo difendo quando qualcuno lo attacca senza conoscerlo a pieno ma tendo anche a criticarlo dove e' dovuto.

Luca da Osaka ha detto...

scusatemi anche per gli errori ma sono in ufficio e non mi e' facile scrivere e concentrarmi insieme.
Comunque ammiro alice e Nicola e tutti le altre persone che hanno l'energia per e il tempo per scrivere un blog.
Un giorno forse lo faro anch'io si chiamerà il lato oscuro del Giappone.
ma in questo momento mi devo solo limitare a postare commenti nei siti degli altri.
Vorrei con tutto il cuore condividere la mia esperienza online ma il tempo non lo permette.
Pensate che ieri mi sono dato malato per reinstallare windows e tutte le applicazioni su un mio computer.
L' informatica e' il mio pane e sono velocissimo ma con il lavoro e gli schemi rigidi dell' ufficio giapponese non ho molto tempo libero. Aggiungiamo una moglie gremlin/giapponese e il gioco e' fatto niente tempo libero.

Mario ha detto...

Mamma mia che storia Luca! Il "lato oscuro del Giappone" (O_o) che esperienze che hai avuto!

Ho googlato Issei Sagawa che sinceramente non conoscevo e mi sono informato sulla sua storia...allucinante.

Ma cosa intendi per moglie gremlin/giapponese?

Cinghius - Andrea ha detto...

Pur essendoci stato solo una settimana e non avendone esperienza, non dubito che a Shinjuku vi siano bordelli o posti di malaffare, così come ci sono in altre città. D'altra parte le guide più attente segnalano esattamente cosa è meglio evitare e dove si può andare e dove no.

Un grande quartiere (piccola città?) amministrativo, economico e commerciale con dei lati oscuri che si trascinano avanti da decenni, se non erro dalla fine della guerra.

Dal mio punto di vista, ad esempio, trovo Roppongi peggiore perchè mentre a Shinjuku il pericolo puoi evitarlo con un pò di oculatezza, a Roppongi non è inusuale fare brutti incontri indesiderati. Ci sono stato solo una volta e subito ho rischiato di dovermi difendere da un paio di ubriaconi attaccabrighe, peraltro non giapponesi. Ed erano le 9 del mattino!! Era anche inquietante il numero di "anglosassoni" ubriachi di varie nazionalità presente!

Ben vengano i reportage di Luca, se servono a dare un resoconto realistico di un certo tipo di realtà che il turista come me conosce solo superficialmente, ma devo anche dire che se mi chiedessero di scegliere se passaeggiare di notte a Shinjuku o in qualche zona di Parigi (senza neppure andare a cercare le banlieue) o di Milano o Bari o forse persino Cagliari (notoriamente meno pericolosa di altre città italiane) probabilmente sceglierei la prima.

Mario ha detto...

Mi trovi d'accordo su ogni parola specialmente nella tua ultima frase.

E' chiaro comunque che chi ci vive e ha avuto esperienze dirette conosce meglio la situazione e ringrazio anche io i reportage di Luca.
Sono stato (di sera) due volte a Roppongi e altrettante a Shinjuku, ma non mi è capitato nulla di strano. Qui non conto più le volte che, anche di giorno, devo cambiare strada con mia moglie per evitare di incontrare brutta gente, senza parlare di sera.

E' la visione del turista che fa cambiare un po' le idee. E' come se un turista giapponese visita Milano: gli sembra tutto bello, magari non organizzato, ma apprezzabile e non un disastro come lo vediamo noi italiani.
Appena ti capita di incontrare gli sportelli statali, la burocrazia, gli scioperi, i ritardi, la disorganizzazione e tutto il resto, beh le visioni cambiano.
E sono esattamente le parole che mi dice mia moglie (l'Italia è bella solo per il turista, da viverci fa schifo!...testuale).

Sembra che in ogni posto il problema siano "gli altri". In Italia i rumeni e i nordafricani, in Francia gli italiani, in Giappone i cinesi e coreani.
Supefluo dire che anche in casa propria si trovino gli sbandati e i malviventi, ma agli occhi di un turista sembra diverso.

Considerando tutto questo sono stra-d'accordo con Cinghius. In qualsiasi città del mondo ci sono i "quartieri malfamati" dove è meglio stare alla larga e non ti consigliano di andare, è inevitabile. Certo, come dice Cinghius, se mi trovassi a passeggiare di notte a Shinjuku mi sentirei più tranquillo che in Piazzale Corvetto, a Scampia, nelle favelas di Rio de Janeirio, nei quartieri della droga di Città del Messico o nel Bronx a New York.

Luca da Osaka ha detto...

Per gremlin/giapponese intendo che dovete essere cauti con le ragazze giapponesi perche prima sono carine come un moguai ma se le mettete l' anello al dito sara come dare da mangiare a un moguai dopo mezzanotte.
Ragazzi io non conosco una coppia mista che non abbia un gremlin a casa.
Se vivete in italia le mogli giapponesi non si trasformano forse la trasformazione avviene solo nella terra natia.
Ma se abiterete in giappone sono cavoli. Parlo x esperienza personale su due fidanzate e una moglie. Se vi raccontassi i casini che hanno molti italiani perche non si sono fatti valere subito vi verrebbe da piangere.

Tornando all' argomento sono d'accordo sul chi dice che ogni città del mondo ha un lato malfamato ma in giappone a contrario di cio che si pensa ci sono veramente cose estreme ma tutto dipende da un certo fatto culturale.
Semplicemente se non si discute di una cosa in giappone questa cosa non esiste. Il classico occhio non vede cuore non duole.
Se chiedete ai vostri amici se gira droga in giappone vi risponderanno quasi per nulla.
Ma in realta c'e' ne sono fiumi rappongi e il quartiere della droga per eccellenza. Ho visto tanti stranieri arrivare qua e lavorare per qualche grossa azienda.
per poi passare notti sfrenate tra sesso alcol e coca.
Non crediate che anche se sono sposato mi sia calmato perche come molti i giapponesi anche io ho sviluppato due personalita e due vite diverse.
Nella mia vita segreta tendo ancora a esplorare il lato oscuro del giappone.

Mario ha detto...

Interessante il tuo racconto, queste naturalmente sono cose che le guide non raccontano ma succedono veramente.

Dici che hai visto molti stranieri che vengono qui a lavorare per le aziende e finiscono a sesso, alcol e droga, ma io penso che queste cose un po' le si va a cercare.
Anche in Italia c'è gente che lavora in ditta e poi di sera (magari con moglie e figli a casa ad aspettarlo) va a trans o fa i coca-party, ma nessuno glielo impone, è una loro scelta e gli piace rovinarsi così. In Giappone penso funziona allo stesso modo ma sono sicuro che tutto sia più estremo (sicuramente riguardo al sesso sì).

Chiedendo a molte persone, fra Tokyo e "piccole" città come Fukuoka noto che chi vive nei centri più piccoli mi dice "Ma che ci fai ancora in Italia? Vieni qua!" mentre chi sta a Tokyo o Osaka mi dice di pensarci bene perchè è difficile adattarsi. Interessante e da approfondire.

Cerca di trovare un po' di tempo libero perchè se crei un blog sarò il tuo primo visitatore, non sono temi che trattano tutti.

davide ha detto...

Fantastici questi commenti, continuate così! Sono molto interessato all'argomento "moglie gremlin/giapponese" :)

Mario ha detto...

Di la verità, tu te la stai godendo alle spalle di chi ha la moglie giapponese con un'altra donna di un mese appena nata. Vale come doppio gremlin?

Il tutto con un trasferimento in Giappone in vista! ^^

Crudele (XD)

luca da Osaka ha detto...

sulla moglie gremlin-giapponese vorrei aggiungere una puntualizzazione. Se ne catturate una in italia state molto attenti perche di solito sono le piu dolci e carine ma la trasformazione e piu violenta e radicale. Se ne catturate una in Giappone i rischi si riducono ma poi la trasformazione avvera comunque ma con meno marca mutazione.
Vi posso fare un esempio pratico, prendiamo gli italiani piu anziani.
Se sono fortunati e non hanno ancora divorziato (cosa che implica perdita di ogni diritto sui figli) vivono generalmente con una moglie arpia che hanno sposato nel periodo d'oro per noi italiani.
Magari erano arrivati molti anni fa percui hanno potuto emergere facilmente dalla societa con buisness come un ristorante o una scuola. Ma ora le cose non vanno bene per il mercato e' saturo percio si trovano una moglie che chiede sempre soldi e basta.
Molti di voi sanno che le coppie giapponesi dopo i figli non hanno sesso e spesso non dormono nemmeno insieme. Da qui una delle tante ragioni di un cosi ampio mercato del sesso. Ma credete che questi poveri italiani dormano con la moglie e la possano toccare????
Ne mio caso sono ancora salvo ma se mi moglie facesse cosi la sbatterei fuori istantaneamente.

luca da Osaka ha detto...

mario non ho capito il tuo ultimo commento, scusami ma dopo una giornata a lavorare in Giapponese il mio cervello va periodicamente in vacanza.
Spiegati meglio.
ciaoo

Mario ha detto...

No, il mio ultimo commento era solo scherzoso nei confronti di davide visto che anche io ho la moglie giapponese, una figlia piccolo e in progetto un trasferimento in Giappone.

SirDiC ha detto...

d'accordo con cinghius, il posto ha l'apparenza di una specie di bordello ma non di un posto pericoloso. poi sarei curioso di sentire i racconti di luca, non capita proprio a tutti di lavorare in un bordello.

Anonimo ha detto...

Luca mi stai facendo prendere l'angoscia. Io ho "catturato" (come dici tu anche se il termine non mi poace ^_^) una ragazza giapponese qui in Italia e a gennaio, dopo numerosi mesi di frequentazione molto in Italia e un pò anche in Giappone, a gennaio verrà a vivere qui con me in Italia. Per adesso solo convivenza equindi "parzialmente salvo". Devo dire che anche io ho sentito molte storie su questa "doppia-faccia" delle ragazze giapponesi e quindi ho cercato di "indagare" e sondare se anche la mia tipa è di questo categoria. Siceramente a me non sembra, spero di non sbagliarmi, ma la gentilezza (non accessiva, quando vuoile sa dire 'no' e lo dice anche troppo spesso) mi sembra "naturale". Ma questa cosa della moglie gremlin è una condanna imperativa che, prima o poi, dovrà capitare a tutti oppure c'è speranza che qualcuna sia diversa dalla massa? ^_^
Se possibile ti invito anche io a scrivere un blog sui tuoi interessantissimi argomenti, sarei felice di leggerlo e di commentare insieme il tutto.

SirDiC ha detto...

anonimo, quello che dice Luca e' vero ma credo che valga anche per chi ha la moglie non giapponese. Italiana o giapponese che sia, dopo una prima fase di studio capira' come prenderti e non avrai scampo.

luca da Osaka ha detto...

Caro anonimo, se vivrai in italia il problema gremlin non persiste.
Ma se dopo un po ti trasferirai in Giappone nel 99% dei casi dovrai affrontare la trasformazione.
Le giapponesi e i giapponesi hanno un incredibile capacita di mimetizzazione, quando vanno a vivere un paese estero giustamente si adattano alle regole e al modo di vivere di quel paese. Ma quando dopo un po di anni per qualche motivo rimpatriano dimenticano tutto in una settimana circa.
Ti faccio un esempio pratico usando un caro amico Antonio.
Lui a sposato la sua dolce meta 12 anni fa a milano. Lei lavorava per un azienda giapponese li.
Dopo il matrimonio la mogliettina a sfornato una bella bambina e subito come tradizione si e' dimessa dal lavoro cosi che Antonio a dovuto sobbarcarsi tutto il peso economico di un famiglia.
Dopo tre anni e' nata la seconda bambina e li sono nati i primi problemi, spesso come tu sai un genitore deve andare agli incontri scolastici e all' ospedale per cui antonio spesso doveva prendersi dei giorni liberi per aiutare la moglie in queste faccende anche per spesso se si ha una conversazione medica con un dottore il la lingua e' piu difficile.
Dopo un po la mogliettina a incomiciato a dire torniamo in giappone, li le scuole sono migliori gli ospedali sono migliori ecc.
Antonio per amore si trasferi con la famiglia in giappone. Ma li inizio l' inferno.
La moglie divento una dittatrice, lui lavora come un matto e lei anche qui fa la casalinga, ma tutti i soldini di antonio non vanno sul suo conto ma nelle mani della mogliettina che aministra e decide tutto.
Qualche tempo fa aiutai antonio a aprire il suo conto bancario privato nel quale nasconde un po di soldini ogni mese tanto per sicurezza.
Dopo un anno la moglie ha deciso di cambiare il cognome hai figli per una MAGGIORE facilita burocratica, un grosso errore perche se un giorno divorziazzero la cara mogliettina avra i figli e il maritino si scordera di vederli, un altro mio amico ha chiesto al giudice ma come posso vederli non ho piu un visto, e il giudice puo usare una webcam e vederli dall' italia.
Comunque tornando a antonio, qualche volta organizzo una pizzata (una volta ogni 3 mesi) ma spesso la mogliettina non glielo permette.
Quindi se sposate una giapponese pensateci bene a trasferirvi in giappone.

luca da Osaka ha detto...

Ragazzi non mi divulghero troppo sull' argomento bordelli, sto scrivendo un libro su di esso.
Ma spesso scrivero se ho tempo commenti interessanti per aiutare tutti a scoprire l' universo giappone.
Un esempio, da oggi non posso fumare sul balcone, si perche da ieri nella bacheca del mio condominio c'e' un messaggio che tassativamente vieta di fumare sui balconi.
Primo ho comprato casa non sono in affitto e faccio cio che mi pare a casa mia, secondo il mio balcone e' 15m per 3m. io fumo al centro seduto sulla mia sedia davanti al mio tavolo, come portei disturbare qualcuno?????
Ma questo e' il giappone le regole sono rigide e spesso insulse.
Ma io le devo rispettare perche sono un straniero, mai i giapponesi se ne fregano.

SirDiC ha detto...

Ahaha. Povero Antonio. Pero' e' vero, le casalinghe giapponesi sono un flagello ancora non completamente debellato. Per fortuna, complice la crisi economica, sono sempre di piu' le donne lavoratrici e magari un giorno anche la moglie di Antonio dovra' andare a lavorare.

luca da Osaka ha detto...

caro sirdic, le casalinghe giapponesi sono come la mafia, sembrano indebolite ma in reata non lo sono.
Molte ragazze giapponesi dicono di no voler fare la casalinga ma sono tutte balle. per 90% voglio stare a casa.

SirDiC ha detto...

giusto! molte si vogliono sposare solo per poter finalmente smettere di lavorare, per poter non essere considerate delle zitelle, per elevare il loro status sociale, e non sono poche quelle che si accontenterebbero di chiunque per riuscirci. Nessuna stima per queste fannullone. Ci mancherebbe solo che si lamentino del marito che va a puttane. Pero' dai, dobbiamo ammettere che ci sono anche quelle buone. Non facciamo disperare l'anonimo qui sopra.

Alice ha detto...

Luca, leggero' con piu' calma il tuo intervento, ma indubbiamente deduco che dalle tue esperienze hai sicuramente piu' argomenti e conoscenza di quelle che sono le tematiche del posto. Io conosco (per fortuna) solo la parte piu' soft di questo mondo a parte che e' Shinjuku... Mi piacerebbe approfondire il discorso con te, ascoltare le tue esperienze. Ti consiglio di scrivere un libro, o almeno un blog. Avresti sicuramente molto da dire, e forse un po' di fette di sashimi o prosciutto che sia si leverebbero da un po' di occhi.
Anche io nel mio piccolo a volte conduco queste battaglie perse (il piu' delle volte) con i turisti della settimana convinti di sapere tutto sul Giappone fatto solo di manga e idols.

Luca da Osaka ha detto...

ma finche anonimo tiene la preda sul territorio italiano i rischi di mutazione sono bassisimi. Quindi anonimo ti suggerisco di goderti il giappone da turista ma non trasferirti.

Luca da Osaka ha detto...

brava alice questo e' il tono giusto.
Magari la prossima volta che vado a tokyo per lavoro ci beviamo un caffe.

Alice ha detto...

Con piacere Luca!
In quanto alla questione regole, nel mio appartamento non posso giocare a mahjong o come si scrive... Haha.

Adesso ho appena finito di leggere la storia della moglie gremlin, e wow, finalmente ho capito parecchie cose.

Fabio ha detto...

Ciao, sono quello che ha scritto il messaggio "anonimo", finalmente sono riuscito a capire come far comparire il nome. Io non so come andrà in futuro. Per adesso, con vari stratagemmi, sono riuscito a fare in modo che lei possa stare in Italia senza bisogno di sposarsi tanto per "testare" la situazione. Io ho cercato di mettere in chiaro tutto subito. E cioè che comunque sia dovrà lavorare anche lei, ecc. ecc. però, dai, non ci credo che siano tutte così. Io per adesso ho intenzione di vivere in Italia dato che, anche se questo paese sta andando sempre piu alla deriva, vivo in Toscana e ancora la vita è decente ma per il futuro nessuno lo sa. Se li conosci, mi potresti dare le indicazioni (domande trabocchetto da fare, cosa de notare, ecc.) per cercare di capire se mi sto accollando in probabile gremlin in incubazione o se ho qualche speranza di salvarmi? ^_^
Arigatou

Luca da Osaka ha detto...

Mi dispiace ma non vi sono domande trabocchetto per capire se e' un gremlins.
Non voglio essere negativista ma lo sono quasi tutte ma come ho detto prima finche resterete in italia sarai al sicuro.
Ma in caso di espatrio da parte tua preparati, non lo sono per cattiveria lo sono perche certe cose sono realmente radicate nella loro cultura.
Per esempio se tutti gli utenti chiedono alle loro amiche che ne pensano degli omiyaii con di dottori queste ultime risponderanno:
Io non ci sono mai andata ma se per loro va bene non ho problemi.
Ricordatevi che realmente i giapponesi hanno un concetto diverso di relazione cognugale.
Basta pensare alle mogli che accettano i tradimenti e hai divorzi tra ultra 60enni.
L' omiyaii e' un esempio andare a degli incontri con dei dottori benestanti per trovare marito non mi sembra una grande somiglianza con il nostro concetto di amore.
Ma moltissime donne lo fanno.
Questo non vuol dire che sono tutte uguali ma potete ben capire che se una pratica come questa e' accettata dimostra che quest' ultima e' ancora parte della loro cultura.
Ragazzi le ragazze giapponesi posso essere meravigliose e fedeli ma bisogna ricordare che le nostre culture sono agli antipodi e cio deve portarvi a riflettere molto in queste relazioni.
Fabio magari e' la tua anima gemella, e il tuo amore per lei ti permettera di amare anche il gremlin che e' in lei ma ascolta un vecchio lupo di mare di ragazze giapponesi ne ho avute a centinaia e percio assicurati di amarla realmente prima perche poi lei ti mettera alla prova. (mettera alla prova i tuoi nervi)
Mi fermo perche sto monopolizzando il blog.
Per il piacere dei maschietti e di chi vuole approfondire ecco un sito di ragazze a domicilio. Studiate ma non prenotatene una nel vostro prossimo viaggio.
http://www.de-prism.jp/schedule.html
P.s.
Qualcun altro ha cercato Issei sagawa su google shoccante vero?

Anonimo ha detto...

centinaia?
piero

Luca da Osaka ha detto...

E' si dopo la rottura con la mia ex, e prima del matrimonio per 3 anni mi sono dato al libertinaggio.
Non dico il numero esatto ma tengo il conto.
Nessuno mi crederebbe ma tutti i miei amici italiani qui mi chiamano il principe dei love hotel.
Ci andavo anche 3 volte al giorno quando ero single.

Anonimo ha detto...

immagino ti chiamino "luca lo scopatore"... hehe;
tre volte al giorno al love hotel... ma non avevi altri hobbies a parte il sesso?
piero

Luca da Osaka ha detto...

In giappone gli hobby costano per cui ho scelto quello in cui pagavo poco e spesso ci guadagnavo

Fabio ha detto...

Scusa ma che "genere" di ragazze erano? (non so che si è capita la domanda) ^_^
Comunque io sono un tipo abbastanza razionale, non ho mai creduto al colpo di fulmine e anche con questa ragazza non è che sono innamorato del genere "fuori di testa" perchè non è nel mio carattere. Riflettendo, da quello che è venuto fuori in questi mesi di frequentazione, mi rendo conto che ci sono dei punti di "disaccordo" (non cose serissime) che, alla lunga, non si sa dove porteranno. Ne ho parlato anche con lei di questa cosa, ma purtroppo se nella vita non si prova non si può mai sapere dove si arriverà. Io penso che il rimpianto sia molto peggio del rimorso. Fatto sta che, un pò perchè sono sempre stato appassionato di cultura giapponese, un pò perchè gli occhi a mandorla mi fanno impazzire e un pò perchè in questa ragazza ho percepito una femminilità, una gentilezza e un modo di fare che nelle italiane non ho mai "percepito" ho passato insieme a lei dei momenti bellissimi. Non è che siamo due regazzi, io ho 35 anni e lei 33. E comunque sono rassegnato al fatto che italiana, giapponese, peruviana, africana, ecc. ecc. alla fine è solo un colpo di fortuna trovare quella giusta. I nervi te li mettono alla prova anche le italiane, magari un pò prima paragonando ai tempi delle giapponesi. Comunque, tanto per concludere, questa ragazza mi piace molto, questo è vero, ma sono ancora in grado di ragionare e mi rendo conto che le diverse culture potrebbero portare problemi, ma come si fa ad essere sicuri se non si prova? :-(

Luca, il tuo "sapere" è molto interessante. Non è che voglio portare via utenti a questo ganzissimo blog ma se ti va, magari è anche più pratico, vieni a condividere il tuo sapere anche sul "mio" forum sul Giappone, ci sono altre persone sposate con giapponesi, tutta gente adulta e seria con la quale è un piacere discutere. L'invito vale anche per Alice dato che, se ho capito chi sei, il "mio" forum contiene i "sopravvisuti" del vecchio forum "un italiano a Tokyo", se sei la persona che ho capito io eri una "vecchia" frequentatrice.
L'indirizzo è:

http://www.nihon.netsons.org/

Chiedo nuovamente scusa a Nicola, non è che voglio fare "pubblicità occulta" il mio obbiettivo è solo condividere il sapere. ^_^

Mario ha detto...

Mah io ho una moglie meravigliosa da quasi 2 anni e non penso proprio diventerà un gremlin. Secondo me i discorsi fatti non valgono per tutte così come conosco delle persone sposate e felicissime da anni che abitano in Giappone senza problemi e senza tutto quello descritto da "Luca il Casanova" ^^

Al massimo aspettate un paio d'anni che mi trasferisco anche io e vi racconto che succede XD

Luca da Osaka ha detto...

Bene un altro forum da frequentare, ho visto che nella sezione patenti ti e' passato UNICA Japan un mio ex coinquilino qui a osaka.
Il mondo e' piccolo.
Le ragazze erano di tutti i tipi, non voglio dare un immagine negativa del giappone ma noi italiani stiamo ben messi in tal senso. le donne ci cascano fra le braccia.
Diciamo che conosco un italiano sposato, che ha 45 amanti fisse. Non posso essere piu specifico in tal senso. Ma credetemi sulla parola. Inoltre il 60% degli italiani che conosco hanno tutti qualche amica.
Come ho detto prima la cultura e' diversa. Scusatemi fa se in italia un uomo di 55 anni ha una fidanzata di 30 la famiglia non e' molto felice e la gente li guarda male ma in giappone e' normalita.

Luca da Osaka ha detto...

In tal caso mario la comunita italiana preghera per te.
Scherzo magari se uno di quelli fortunati ma e' una rarita.
Posso dirti che due anni sono nulla.
Di solito statisticamente la mutazione avviene al 5 anno.
Specifichiamo che io il gremlin lo preso gia mutato ma dai sono simpatici e se impari a gestirli puoi sopravvivere. Cio che ognuno deve capire e' che a casa tua in italia hai dei diritti in giappone sarai sempre dalla parte del torto, sia con la famiglia di lei e anche con le leggi che non sono molto aperte verso noi stranieri. Vedi il blog di pio emilia. Sulle esempio leggi e sistema giapponese si puo portare il caso di Delfo Zorzi terrorista nero latitante. Escludendo le sue connessioni con la destra giapponese che gli hanno permesso di cambiare nazionalita velocemente. Il caro pio scrisse un articolo su di lui su un giornale giapponese, Delfo lo denuncio e anche se al processo vi era le copie tradotte dei tre processi italiani, il Pio e il giornale hanno dovuto pagare una risarcimento per callugnia. Come capisci se su un fatto cosi grave la legge giapponese ha preferito dare ragione a un cittadino giapponese(anche se solo naturalizato) a discapito di tutte le prove che cosa pensi che ti possano fare se la mogliettina chiede il divorzio?
Questi sono casi estremi ma rendono l' idea di certi problemi burocratici e legali che tu da cittadino italiano devi affrontare e in caso di rottura con il cogniuge avrai solo da perdere.
Ma come hai detto tu ogni le donne sono tutte uguali stressano, devi capire pero che se vivrai in giappone le cose non saranno facili.

Anonimo ha detto...

45 amanti fisse! e certo che ti crediamo, ci mancherebbe altro!
piero

Anonimo ha detto...

credo che la domanda di fabio fosse: queste centinaia erano per caso professioniste?
piero

Luca da Osaka ha detto...

fidati anonimo, mettiamola cosi, prima del mio attuale lavoro che consiste nel supporto imformatico in una grande azienda americana ho fatto l' insegnate. Ho avuto circa 200 studenti di italiano che erano di tutte le tipologie, casalinghe impiegate, universitarie, e altro.
Togli un 10 percento che non mi piacevano. Tutte le altre hanno avuto una storia con me anche se ero sposato. Per la cronaca mi sono calmato per cui niente critiche. Sono errori del passato.

Mario ha detto...

Oh, speriamo bene allora. ^^

E' bello sentire una voce "dal posto" che ti fa capire anche cosa non va nel Sol Levante.

"Di solito statisticamente la mutazione avviene al 5 anno."

FANTASTICA! Devi aver provato (o conosciuto) molte persone sposate con un gremlin per una statistica così precisa :D

Luca da Osaka ha detto...

Queste statistiche derivano dai nostri incontri della loggia massonica.
Diciamo che da quando sono arrivato io le cose sono un po cambiate, prima vi era piccoli gruppi di italiani ora la cosa sta diventando piu ampia, il prossimo scalino e' farmi nominare oyabun.
Sono un tipo carismatico che riesce a far muovere le persone e che non ha paura di nulla e piano piano sto realmente mettendo insieme gli italiani prima divisi in piccoli gruppi all' ultimo parti eravamo 50.
Pensate che sono riuscito insinuare il concetto di ribellione nei miei colleghi giapponesi e uniti abbiamo fatto licenziare il nostro manager per non valeva un tubo.
Sono un mostro devo avere dei poteri ipnotici o altro.

Cinghius - Andrea ha detto...

Qualche dubbio in effetti lo avevo ^^

Anonimo ha detto...

tornando al buffo signore con le 45 amanti fisse, logisticamente... ognuna la incontra ogni 45 giorni?
piero

Anonimo ha detto...

comunque luca sei il supereroe della scopata nipponica, per questo ti ammiriamo tutti; poi come ogni buon supereroe hai anche il tuo lato umano e te la pigli in quel posto da tua moglie, che poi segretamente ami e rispetti
piero

Anonimo ha detto...

supereroine della scopata nipponica non ne conosci?
piero

Mario ha detto...

Nicola, calmali ^^

dreca ha detto...

ma sei ristato in Giappone? sempre bellissim leggere i tuoi post giappo ;-)

luca da Osaka ha detto...

Non ti preoccupare mario quel tipo di informazioni sono di dominio escusivo di noi espatriati.
Sono cose che si imparano con gli anni non possiamo dare la lista delle ragazze.
Piero preferisco il termine amatore.
Grazie.

Anonimo ha detto...

Dai Nicola, lascia tokyo cosi torna il bello...ho passato la scorsa settimana a Kyoto ed era cosi bello...
Silk

Anonimo ha detto...

ok facciamo superamatore della scopata nipponica? ;)
ma tua moglie però l'hai sposata, eddai che in fondo in fondo sei un romantico anche tu, se no mica saresti un superamatore, no?
comunque la tua versione al femminile esiste?
piero

Anonimo ha detto...

dai luca raccontaci qualche particolare porcello che ormai hai capito che pendiamo dalle tue labbra!
;)
etternamente tuo fan
piero

Luca da Osaka ha detto...

Mi dispiace piero ma non posso spingermi oltre su questo blog si parla di argomenti interessanti ma non spinti e non posso disturbare nicola oltre.
Magari se me lo permettera mi occupero della cosa sul forum di Fabio.
Nicola giustamente e' in viaggio e aggiorna il blog ma credo che non abbia tempo di leggere 45 commenti e percio non puo moderare, non mi sembra giusto fare casi a casa sua senza il suo permesso

davide ha detto...

Già, tocca a me prendere le redini.
Ragazzi diamoci una calmata.

nicolacassa ha detto...

Eccomi qui! Cosa è successo in mia assenza??? Sarebbe meglio cercare di evitare di utilizzare la piattaforma del lavoro altrui per mettersi in evidenza e farsi conoscere, se avete da dire, da raccontare e da spararle apritevi un blog, o un forum. Adoro questo genere di discussioni sia chiaro, ma cerchiamo di rimanere on-topic, qui si sono dette cose grosse!!!

Mario ha detto...

Bravo Nicola!

Mario ha detto...

P.S. Grosse in tutti i sensi. Bentornato ai post! Mi mancavano!

Weltall ha detto...

@Deiv: è così che prendi le redini? Sei il peggiore ^___*

luca da Osaka ha detto...

Scusa Nicola come ho detto in precedenza non volevo abusare della tua assenza, speravo che intervenissi, mi ero fatto prendere la mano scusa.
All' inizio ho parlato solo di shinjuku ma per siegare e dare esempi mi sono allargato fin troppo.
Realmente scusa, pero nel tuo intervento di moderazione non mi e' piaciuto il vero sparare. Che cosa intendi?
Dalle mie parti spararle vuol dire dire balle.
Se pensi questo ti sbagli, ma non devo dimostrare niente a nessuno.
Come puoi vedere nei miei commenti ho sempre cercato di non andare nel dettaglio e ho continuato a scrivere solo per rispondere a alcuni commenti realmente non volevo disturbare il tuo blog.
Scusa ancora la prossima volta avro piu polso e restero nel topics.

nicolacassa ha detto...

>Luca> Non parlavo di te, certo che non devi dimostrare niente a nessuno!! Però i tuoi discorsi e il relativo feedback hanno fatto prendere una piega particolare alla discussione: alla fine sembrava che ad esempio tutte le donne giapponesi fossero delle troie o comunque assatanate e libertine! Sai anche tu che non è così, vorrei solo evitare che si raggiungessero questi estremi anche perchè tutti noi abbiamo un grande rispetto per il popolo Giapponese!!

Kazu Kura Zen ha detto...

Effettivamente quei 61 commenti mi avevano un attimino insospettita... ^^
Nic, Mario e tutti. La vita è uguale ovunque, le trasformazioni avvengono inevitabilmente e sta a noi decidere se continuare ad impegnarci con tutto l'amore che abbiamo oppure mollare o peggio ancora adattarci e costruirci una vita parallela.
Poi i discorsi legali e i diritti umanitari nei Paesi stranieri sono un altro discorso...
Baci!!!

nicolacassa ha detto...

>Cla> Perchè non c'eri quando ne avevo bisogno!! :)

Posta un commento

Vuoi commentare su ニコラ日本へ行く nicolaingiappone ma non sei iscritto nè vuoi saperne di iscriverti a Blogger? Nella sezione "Scegli un'identità" qui sotto seleziona "Nome/URL", poi scrivi il tuo nome o il tuo nickname nel campo "Nome" e il tuo indirizzo mail, o l'indirizzo del tuo sito, o anche niente nel campo "URL" (^O^)/

Ah, e non dimenticare di iscriverti al gruppo "nicolaingiappone > Cose Incredibili In Giappone" su Facebook!! \(^O^)/

[NOVITA']...e se non sopporti Facebook, segui gli aggiornamenti del blog su Twitter, iscriviti cliccando qui!! \\(^O^)//

Nicola